The reckoning

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2021/02/20201118_154816-1280x1280.jpg

Written by Giada Marino

This review is available only in the original language.

__________________________________________________________

The reckoning – La resa dei conti è un titolo che si adatta perfettamente al contenuto del terzo volume  della serie The darkest powers.

Se con The awakening eravate in ansia per la povera Chloe e i suoi amici, in quest’ultimo capitolo della  trilogia la tensione sarà così palpabile che anche il lettore sentirà il bisogno di guardarsi alle spalle per  accertarsi che non ci sia nessuno nascosto in qualche angolo della casa.

Alla fine del secondo libro si è scoperto che Chloe e gli altri sono le cavie di un progetto chiamato Genesi II:  un esperimento che riguarda la mutazione genetica dei soprannaturali. L’obiettivo era di minimizzare gli  effetti collaterali e di migliorare il controllo sui poteri, ma qualcosa deve essere andato storto e infatti le  capacità dei soggetti studiati sembrano accresciute esponenzialmente, tanto da essere ritenute fuori  controllo.

Il terzo volume inizia nell’istante successivo a quello della fine del secondo, e già dalle prime pagine  comprenderemo che la nostra speranza che tutto si svolga in maniera più tranquilla per Chloe non sarà  esaudita. Infatti già nel secondo capitolo faremo la conoscenza di un nuovo fantasma capace di spostare gli oggetti come la cara Liz ma che, al contrario della solare ragazza, usa quest’abilità per cercare di far male  alla protagonista.

Intanto quelli del gruppo Edison stanno cercando i fuggitivi per eliminarli e, in questo modo, cancellare le  prove del proprio fallimento. Ma gli scienziati pazzi non sembrano i soli a essere sulle loro tracce. Nuovi  inganni e nuove rivelazioni metteranno in serio pericolo i personaggi e sebbene i nostri piccoli eroi hanno  ormai imparato che non devono fidarsi di nessuno si ritroveranno davanti a un altro quesito: dove finisce il  bene e inizia il male? e, viceversa, dove finisce il male e inizia il bene?

Anche in quest’ultimo volume Kelley Armstrong dimostra la propria abilità di scrittrice, soprattutto nella  capacità di non rendere tutto facile ai propri personaggi.

Il finale è uno di quelli che mi avrebbe fatto storcere il naso se l’avessi letto in un altro libro, ma in questo caso è congeniale alla storia e all’autrice, e l’ho trovato molto interessante.

Non aggiungo altro per non rovinare la lettura a nessuno. Non mi resta, quindi, che augurare una buona  lettura a tutti!

____________________________________________________________________________________________________

Kelley Armstrong, The reckoningFazi, Roma, 2013

Original edition: The Reckoning, HarperCollins, Toronto, 2010  

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *