HomeAuthor Redazione

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2024/05/Adobe_Express_20240502_1732130_1-640x640.png

La città dei ladri

“VENERDÌ RE-VERSO” “In mezzo a tutto quel terrore, alle grida, ai passi pesanti c’era qualcos’altro, qualcosa di strano. Kolja stava ridendo.”   Ogni tanto succede che si nomini un libro e gli occhi di tutti quelli che l’hanno letto si accendano. Non è l’effetto del “classico imprescindibile” (da leggersi con la sicumera che le virgolette suggeriscono), né dell’ultimo caso editoriale (“Il libro dell’anno” e siamo a gennaio); è come se si attivasse una memoria intima, un evento privato di...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2024/04/Adobe_Express_20240425_1536070_1-640x640.png

L’Agnese va a morire

“Davanti alla casa del fascio si raschiò la gola, raccolse in bocca la saliva e sputò per terra.” Italia post armistizio dell’8 settembre, fratelli contro fratelli, patria natia terra di contesa da piedi stranieri, e violentata da morti innocenti.  L’azione si svolge completamente nelle Valli di Comacchio, dove la Storia – con la S maiuscola – durante il secondo conflitto mondiale si scontra e travolge la storia – con la s minuscola – di una...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2024/04/Adobe_Express_20240418_1841110_1-640x640.png

Come le mosche d’autunno

“I tempi sono cambiati e gli uomini pure.” Testo antico, uscito in prima pubblicazione in Francia nel 1931, di atmosfere e ambientazioni ormai disabitate da quasi cent’anni di polvere e ragnatele. La protagonista del lungo racconto è l’anziana balia Tatjana Ivanovna, completamente devota alla famiglia Karin, dove ha visto crescere intere generazioni di ragazzi diventati in poco tempo uomini. Quasi come membro anziano della famiglia, difatti, sarà lei ad accompagnare i due ragazzi più giovani...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2024/04/Adobe_Express_20240410_2029030_1-640x640.png

È Oriente

“Siamo già stati in mezzo mondo: e allora perché ci sembra di non aver mai viaggiato prima?” Paolo Rumiz si conferma essere, anche in questo libro, la penna del viaggiatore errante che tutti vorremmo essere. Una prosa fluida che a tratti sconfina nella poesia, per lo specchio d’acqua di parole in cui invita il lettore a immergersi.  Il testo è un reportage di sei racconti che riportano diversi viaggi intrapresi dall’autore nell’est Europa a cavallo...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2024/04/Adobe_Express_20240404_1655290_1-640x640.png

Piccolo corpo

“VENERDÌ RE-VERSO” “Tutte le sue voglie si coniugano all’infinito.”   É difficile pensare a un cuore che non sia anche una battaglia. Alcune sono lunghe e devastanti, altre piccole e meschine, ma il cuore sembra sempre avere lo spazio necessario per ospitare anche il più incomprensibile dei dolori. “Piccolo corpo” è lo spiraglio della porta attraverso cui possiamo spiare un cuore in lotta: contro l’assenza, contro la perdita, contro la fatalità. Si tratta di un lungo racconto (100 pagine)...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2024/03/Adobe_Express_20240328_2206430_1-640x640.png

Il canto del profeta

“È entrata in una parte di sé dove è assoluta, ha una spada tra i denti.” Perdita. Smarrimento. Paura. Coraggio. E: speranza. State aprendo un libro che è una colata di lava, denso, incendiario, inesorabile. A partire dalla scrittura: nessun virgolettato, paragrafi compatti, cambi di scena sincopati. Tutto in discesa, trascinati giú dalla montagna, lo chiameremmo “crescendo” se non somigliasse a un precipizio. Si sta come in attesa di una svolta che non arriva, l’impatto sempre rimandato fino all’ultima...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2024/03/Adobe_Express_20240321_2045050_1-640x640.png

Doveva essere il nostro momento

“Respira. Sei vivo.” Per chi conosce l’autrice, e ha letto anche i suoi lavori precedenti, questo libro può definirsi come quello che in gergo televisivo viene chiamato spin off, cioè dove i protagonisti apparivano in precedenza in altre storie come personaggi secondari. Attenzione però, perché l’ideale legame tra i libri si ferma qui, il resto del racconto è una storia a parte, con un inizio e una fine propri. I due protagonisti di cui parliamo...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2300/02/Adobe_Express_20240222_1110090_1-640x640.png

La visita

“Il cognato pensava con tristezza alla vita che lo aspettava: la moglie moribonda, i figlioli, il lavoro.” Raccolta di racconti brevi che risalgono agli albori della produzione letteraria di Cassola, quando poco più che ventenne iniziava a dare forma all’animo dello scrittore che albergava dentro di lui.  Pubblicati su alcune riviste letterarie tra il 1937 e il 1942, sono stati riproposti in forma completa nel 1942, per poi essere ripresi nel 1962 con l’aggiunta di...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2324/03/Adobe_Express_20240229_2041450_1-640x640.png

Ho paura torero

“Io ero un finocchio che mia madre gli aveva lasciato come castigo, diceva. Per questo mi picchiava duro.” Cile, Settembre 1986. Un paese in fibrillazione per l’anniversario del colpo di stato del Generale Pinochet. Da una parte abbiamo i dissidenti che con manifestazioni e attentati provano a non chinare la testa ad una delle più dure dittature latino-americane; dall’altro i militari che reprimono nel sangue ogni espressione di dissenso, senza fare differenze tra donne, anziani...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2024/03/Adobe_Express_20240229_2039420_1-640x640.png

L’ombra del vulcano

“VENERDÌ RE-VERSO” “…e allora stringevo in mano una storia che non era più vera.”   I venerdì “re-Verso” sono dedicati a piccole chicche di qualche anno addietro; questa volta vogliamo illuminarne una piú recente: “L’ombra del vulcano” di Marco Rossari. Non una riscoperta quindi, per qualcuno, speriamo, un nuovo felice incontro. Leggere questo libro è stato un’estate. Non un’estate di birrette e svolazzanti vestitini a fiori, no, piuttosto di caldo che cola sul collo, paura di morire, paura...