HomeTag Fandango

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/05/20220526_090902_0000-640x640.png

Le case dai tetti rossi

“Finì in manicomio perché non sapeva dove andare.” Prendendo spunto dalla vendita della casa della Nonna ad Ancona, l’autore ripercorre le orme della memoria sul vicino manicomio dai tetti rossi (da cui il titolo). A sostenerlo nel racconto la ricerca di cartelle cliniche e il tornare dentro le case dai tetti rossi a distanza di anni, quando ormai le strutture  sono adibite ad altro uso.  Nella ricostruzione del mondo parallelo, al di là delle colonne...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/02/20220203_170456_0000-640x640.png

Primo amore e altri affanni

“VENERDÌ DI-VERSO” Ascoltavo come in sogno lo scrosciare delle onde e sapevo che avrei superato la prova della mia giovinezza e sarei stato perdonato.  Alcuni libri, che si leggono velocemente, pieni di vita eppure ariosi, freschi, varrebbe la pena descriverli con delle immagini piuttosto che attraverso le parole. Un’immagine che possa suggerire, forse, lo stato d’animo di chi, chiuso il libro, dopo l’ultima pagina, chiude anche gli occhi, per lasciare vibrare nell’aria il profumo della fine. E allora proviamo. Fine...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2021/06/20210626_160438_0000-640x640.png

Nuovissimo testamento

“Il potere che finge di istruire e invece governa con paternalismo ha la strada spianata.” Come sarebbe vivere in una nazione dove è stato scientificamente deciso di eliminare l’empatia perché ritenuto elemento disturbante della democrazia? Azzerare il libero pensiero per garantire un funzionamento senza intoppi della macchina politico-burocratica di un paese, può essere ritenuto il giusto prezzo da pagare?  Siamo così entrati a piedi uniti dentro la storia narrata nel libro, in cui un giorno...

https://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2021/01/20201205_141350-640x640.jpg

Febbre

Scritto da Alessia Agostinelli _________________________________________________   Tra i tanti libri scoperti quest’anno, ce ne è stato uno che ha riecheggiato nel suo titolo, del triste leitmotiv di questo inusuale anno. Si tratta del debutto letterario del giovane e promettente Jonathan Bazzi. Spiazzando le classifiche editoriali italiane, questo romanzo autobiografico ha portato all’attenzione di molti il suo autore prima quasi sconosciuto. Laureato in filosofia e appassionato di questioni di genere, Bazzi collabora da anni con varie testate e magazine. Ma...