HomeCategory Le pillole del Doc

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/09/20220929_092141-640x640.jpg

Il salto dell’acciuga

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ Camminare è perdersi e ritrovarsi, e tutte cose insieme. Farlo con lentezza, un passo e poi un altro, chilometri dopo chilometri, un giorno e poi quello dopo, lasciando che gli occhi vaghino attorno, e con loro i pensieri. Lo sapevo da sempre, ma è la maturità degli anni che si son accumulati sugli anni che me ne han dato piena coscienza. Così ho cominciato: affascinato dai nomi dei percorsi. Il...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/09/20220915_070742-640x640.jpg

Giochi proibiti

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ È spietato. È feroce. È di una disarmante tenerezza, senza essere favola, senza essere fiaba. È tanto originale. Soprattutto è di una modernità che pare fantascienza. Perché GIOCHI PROIBITI venne scritto nel 1947, la seconda grande guerra era terminata da poco, la gente si leccava ancora le ferite, aveva gran voglia di vivere, e prendeva coscienza piena dell’orrore. Oggi siamo ancora lì, immersi dento fino al naso e galleggianti, e...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/07/WhatsApp-Image-2022-07-28-at-07.02.41-640x640.jpeg

Storia del figlio

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ Di questo Storia del figlio in un’estate tanto afosa quanto insopportabile ricorderò soprattutto la freschezza delle parole. I giochi di sostantivi, verbi, aggettivi, articoli, pronomi, e tutte armoniosamente insieme, capaci di rappresentare sensazioni plastiche e vive, che si fan poi emozioni. Disegni acquarellati, oppure geometrici, come nel miglior Broadway Boogie Woogie di quel Piet Mondrian che disponeva solamente i gialli i rossi i bianchi e ancora i blu...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/07/IMG-20220714-WA0002-640x640.jpg

Scompartimento N. 6

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ Scompartimento N. 6 è capace di evocare molte suggestioni, e molto diverse tra loro. Rosa Liksom, acclamata autrice finlandese, ha scritto ormai alcuni anni addietro questo romanzo denso che pare melassa, ma al tempo di una leggerezza disarmante, violento e tenerissimo insieme, un romanzo degli opposti stati d’animo, che mi ha incuriosito già per la deliziosa prima di copertina, che pochi, se non Iperborea, avrebbero saputo realizzare con...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/06/WhatsApp-Image-2022-06-30-at-06.44.27-640x640.jpeg

Le meraviglie

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ Anche qui: perché? Perché ho cominciato a leggerlo, perché Le meraviglie – queste, in particolare, e non altre, fatte di altre parole, di altre storie, di altre suggestioni, di altro… Questo Le meraviglie, edizioni Einaudi, di Elena Medel, poetessa e scrittrice spagnola che non conoscevo, è un romanzo corale, un romanzo di formazione, un romanzo difficile. La traduzione in italiano è di Silvia Sichel, cui va un plauso davvero particolare,...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/06/WhatsApp-Image-2022-06-16-at-06.16.31-640x640.jpeg

La fortuna

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ La si ama o la si odia. Non c’è un grigio nei sentimenti che si possono nutrire per Valeria Parrella. Proprio non c’è: è una questione di bianchi o di neri. Lo credo con forza, e per questo son partito con l’amare: io faccio parte di quelli che son stati mosche dentro la pancia di quella sua balena; così l’abbiamo scoperta, bevendone le parole, tutte, una dopo l’altra,...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/06/20220602_070052-640x640.jpg

La treccia della nonna

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ Comincerei così, elencandone il fenotipo. Senza scriverne titolo e autore, cosicché si scelga magari di leggerlo per quelle emozioni contrastanti che il romanzo di oggi ha certamente destato in me, e che forse in qualcuno sarò riuscito a evocare in fondo a questa breve pagina. È spietato. È ironico. È triste. È sardonico, virgineo e sprovveduto, ma pure navigato, consumato e vissuto, e tutte cose insieme. È molto...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/05/20220519_065551-640x640.jpg

Bianco è il colore del danno

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ Se sei un medico, dovresti leggerlo. Se sei un paziente, dovresti leggerlo. Se sei un individuo senziente, dovresti leggerlo. Questa la prima e più verace impressione che traggo dall’aver mangiato in un sol boccone Bianco è il colore del danno di Francesca Mannocchi, edito da Einaudi Stile Libero. Anche qui: evviva il passaparola; un’amica, che di lettere e letteratura e scrittori e pagine scritte moltissimo ne sa e...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/05/20220505_071214-640x640.jpg

…del dolore

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ Mi chiedo se oggi abbia senso parlare di dolore, uno qualunque che non sia quel dolore. Quello dell’oggi, appunto; quello che da settimane distrugge città e case nelle città; spazi grandi, comuni e pubblici; spazi privati, luoghi intimi, quotidianità fatte di tavoli e sedie e armadi, una tazzina di caffè e latte appoggiata sul tavolo della cucina. Quello che falcidia le vite, che uccide la gente. Quello che non dobbiamo mai...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2022/04/20220421_070741-640x640.jpg

Nina sull’argine

I libri scelti da Andrea Salonia _________________________________________________________________________ La scelta di cominciare a leggere un romanzo piuttosto che un altro è legata a motivazioni molto diverse. Ciascuno di noi, infatti, ha un rapporto differente con i libri nel loro complesso, ma certo da qualcosa deve pur arrivare il là perché si cada proprio su quello e non su quell’altro. Su di me l’oggetto in sé esercita sempre una malia particolare. Nina sull’argine di Veronica Galletta mi ha...