HomeTag 2005

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2020/08/20200821_093653_0000-640x640.png

Il contrario di uno

“Non il corpo era polvere, ma l’anima. Il corpo era acqua versata, l’anima il pulviscolo.” Solo la poesia iniziale vale il prezzo di copertina e la soddisfazione di aver letto il libro. Ogni verso una carezza. Un canto sincero di amore verso la mamma. Idealmente dedicata a tutte le madri del mondo e a tutti i figli che troppo in ritardo si rendono conto di quel sentimento irripetibile che li unisce. Unico grande amore della...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2020/07/WhatsApp-Image-2020-07-21-at-21.53.50-640x640.jpeg

Il segreto dell’uomo solitario

Scritto da Erika Calcagnini  _________________________________________________ Il segreto dell’uomo solitario viene pubblicato nel 1921, sono passati più di vent’anni da quando Grazia Deledda si è trasferita a Roma e nonostante la Sardegna, terra natia, riecheggia ancora in numerosi suoi romanzi, la scrittrice già da Nostalgie (1905) aveva sperimentato nuovi spazi narrativi. Il romanzo in questione ha rappresentato una vera e propria trasformazione nella prosa deleddiana, piuttosto dibattuta da numerosi critici perché le additavano di essersi allontanata...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2020/02/IMG-20200203-WA0002-640x640.jpg

Il mondo è cominciato da un pezzo

“Dora diceva sempre che le cose belle si guastano se le metti di fronte a persone che non sono all’altezza di capirle.” Il romanzo inizia con un licenziamento. Una cesura forte con i fili del passato ignoti al lettore, che si andranno a ricomporre, in un morbido tappeto emozionale.  I soggetti passivi dello sterile comunicato aziendale, un gruppo di quattro redattori di una rivista, si vedono azzerare da un momento all’atro la vita che conoscevano e...

http://www.booktomi.com/wp-content/uploads/2020/01/20200126_100015-640x640.jpg

La verità del ghiaccio

“A volte basta un esile filo per scoprire qualcosa.” Thriller incalzante, con un ritmo sostenuto capace di coinvolgere il lettore, anche il meno appassionato al genere, almeno fino ai tre-quarti del racconto. Poi arriva l’affanno, e si inizia a sentire il peso delle tantissime spiegazioni tecniche sparse. Procedure militari, armamenti, procedure istituzionali, riferimenti stradali e persino all’interno di edifici di cui se ne poteva fare a meno; ma dopotutto questa è la cifra stilistica dell’autore....